Giorno della memoria: “The hate destroyer” a Santa Sofia

0
Allla presenza del restia Vincenzo Caruso, al Centro Culturale“ S. Pertini” di Santa Sofia domenica 26 gennaio (ore 17 per celebrare il Giorno della Memoria, il Comune di Santa Sofia e ANPI Santa Sofia propongono il docufilm “The hate destroyer”.
Il film racconta la storia di Irmela Mensah-Schramm, una signora berlinese di sessantasette anni che una mattina del 1985, andando al lavoro, ha visto su un muro un adesivo razzista e la sera ha preso le chiavi di casa e lo ha staccato. Da allora continua a cancellare ogni giorno dai muri scritte omofobe e razziste, dopo averle fotografate. È sola, rischia grosso: ma Irmela ha già sconfitto il cancro e un passato difficile, e rifiuta di piegarsi.
La sua storia dovrebbe essere un po’ quella di tutti in un’Europa che si sveglia ogni giorno più violenta, ma in cui la caparbietà semplice e rivoluzionaria di chi si alza in piedi e dichiara il suo “no” può ancora fare la differenza.
Nel Giorno della Memoria è doveroso ricordare le vittime dell’olocausto e della Shoa – commenta l’assessora alla cultura del comune di Santa Sofia Isabel Guidi. Ma ritengo che, oltre al ricordo, sia indispensabile un momento di riflessione sulla situazione sociale e politica in cui viviamo. Sono all’ordine del giorno gli episodi di neonazismo in Europa: troppo spesso si finge di non vederli, sottovalutando la portata del problema. Credo, invece, che sia necessario riflettere su questi avvenimenti e dare il giusto spazio alle persone che si battono in prima linea contro i rigurgiti neonazisti e neofascisti, ed Irmela Mensah-Schramm è una di queste persone.”
La memoria dell’Olocausto, dei suoi martiri e dei suoi eroi è di estrema importanza – conclude la presidente dell’ANPI di Santa Sofia Liviana Rossi. Serve a ricordare ai popoli illuminati e democratici fin dove può portare il razzismo e ci ricorda la necessità di combattere sempre e in ogni contesto contro tutti gli aspetti di questo odio.”
Santa Sofia (FC), 26 gennaio, “The hate destroyer”, ore 17, ingresso libero. Il docufilm è una produzione Fotogramma 25, EiE in collaborazione con Turbolence Films ed ha una durata di 52 minuti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.