RESET, la open call di Sistema Festival Fotografia

0

La fotografia come strumento per esplorare e raccontare il territorio italiano in costante evoluzione. In tre parole: rigenerazione umana e urbana. È questo il tema del nuovo progetto RESET, la open call con scadenza 9 giugno 2021 lanciata da Sistema Festival Fotografia e nata dalla collaborazione tra cinque dei più importanti festival di fotografia italiani: Fotografia Europea di Reggio Emilia, Cortona On The Move, SI FEST di Savignano sul Rubicone, Festival della Fotografia Etica di Lodi e Photolux Festival di Lucca.

«Per arrivare a questo punto e quindi al lancio di questa call c’è stato un lavoro incredibile», ha affermato Denis Curti, direttore artistico del SI FEST. «Ci siamo arrivati per gradi e con una passione e una pazienza davvero incredibili. Più volte è capitato di prendere i progetti, buttarli nel cestino e ricominciare da capo, però c’era davvero un’intenzione molto forte che deriva un po’ dal fatto che l’Italia è il paese dei festival». Il progetto RESET è infatti in fase di progettazione dal 2017 e giunge oggi finalmente al suo compimento e alla sua prima tappa, una open call a partecipazione gratuita rivolta non solo ai fotografi ma anche ai ricercatori e ai curatori, in entrambi i casi italiani o residenti in Italia. La open call si struttura infatti in due direttive: la call for pictures e la call for papers, a cui possono partecipare rispettivamente fotografi e collettivi presentando progetti fotografici e ricercatori e curatori con un testo di natura saggistica o critica. Il tema per entrambi è lo stesso: reset, vale a dire la capacità della fotografia di indagare, analizzare e mostrare il cambiamento interno al territorio, al paesaggio e alla società. In entrambi i casi i progetti inediti o editi dovranno dunque esplorare i concetti di rigenerazione urbana e umana.

La open call determinerà quattro vincitori: tre per la call for pictures e uno per la call for papers ai quali sarà riconosciuto un premio in denaro di €3.000. A decretare i vincitori una giuria formata da Denis Curti, direttore artistico SI FEST, Alberto Prina, direttore Festival della Fotografia Etica, Matteo Balduzzi, curatore MUFOCO, Francesca Fabiani, curatrice Fotografia Contemporanea ICCD (MiC Roma), Aaron Schuman, fotografo, scrittore e curatore indipendente, ed Elisa Medde, managing editor del Foam Magazine.

I progetti vincitori troveranno spazio all’interno delle singole edizioni dei festival coinvolti e insieme daranno vita a un catalogo disponibile in tutte le librerie. Si parte così il 22 e 23 maggio a Reggio Emilia con la nuova edizione di Fotografia Europea che si apre con un convegno incentrato proprio sul progetto RESET e sulle tematiche che l’hanno animato. I vincitori avranno anche la possibilità di accedere a una serie di attività di formazione, quali quelle proposte dal Cortona On The Movie il 15 luglio che permetterà loro di entrare in contatto con alcuni grandi professionisti internazionali della fotografia. I progetti di RESET arriveranno poi a settembre al SI FEST di Savignano che allestirà la mostra con le opere dei vincitori, mentre nelle giornate inaugurali del festival (10-12 settembre) verrà presentato il catalogo edito da Postcart. Gli ultimi due momenti sono previsti ad ottobre, durante il Festival della Fotografia Etica di Lodi e il Photolux Festival di Lucca. Nel corso del primo la mostra dei progetti vincitori non incontrerà solo il grande pubblico ma troverà spazio anche all’interno di un percorso didattico per le scuole, accompagnata dalla realizzazione di un kit digitale composto da un ciclo di lezioni. Infine, il Photolux Festival ospiterà invece una tavola rotonda che vedrà coinvolti i cinque direttori artistici dei festival impegnati a riflettere sul percorso fatto e a discutere sugli esiti e i risultati raggiunti da questa prima open call.

Dopo anni di incubazione, RESET giunge così al suo compimento quale progetto vincitore del bando “Strategia Fotografia 2020” promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura. Un progetto che sopraggiunge, come afferma Denis Curti, «in un momento in cui la fotografia ha bisogno di definire meglio un processo di sistematizzazione. C’è un patrimonio iconografico distribuito su tutto il territorio che va indagato e raccolto e quindi è fondamentale aver vinto questo bando con una cifra importante ed esserci presentati come un’associazione che vuole continuare a collaborare con il Ministero, perché questo processo di sistematizzazione va portato avanti. Io credo che i Festival, dotati di questa potenzialità capillare, possano essere le istituzioni e le organizzazioni giuste per portare avanti questo processo».

Info: http://www.sistemafestivalfotografia.it/, info@sistemafestivalfotografia.it. I progetti dovranno pervenire in modalità digitale, entro le ore 12:00 del 9 giugno 2021, sulla piattaforma dedicata http://www.sistemafestivalfotografia.it/open-call/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.