Strade Blu, Viaggio ai confini di Morricone

0

Un gruppo di musicisti di grande talento, una voce recitante per i racconti di Sam Shepard, Gianni Celati, Maurizio Maggiani e molti altri, la musica del maestro Morricone sullo sfondo. Questo è la formula messa a punto da Strade Blu per la serata di sabato 7 agosto a Brisighella, per l’appuntamento ormai tradizionale con Calici sotto i Tre Colli – Le Stelle del Borgo.

Le chitarre di Luca Giovacchini e Don Antonio si uniscono alla batteria di Piero Perelli e al basso di Roberto Villa per dare via a un vero e proprio Viaggio ai confini di Morricone, un’esplorazione dei confini e delle consonanze della musica del grande Maestro.  La musica è geografia e la musica di Morricone – unita alle immagini a cui da sempre la leghiamo – è una delle poche musiche della storia contemporanea che ha saputo indelebilmente “disegnare” un paesaggio nuovo.

Accompagnati infatti dalla voce narrate di Giulia Perelli, i partecipanti potranno immergersi in quell’America del West che è in realtà un’America mitica, epica, trasfigurata, mai esistita in quella forma e con i suoni. Un’America cinematografica che è risultata talmente “risonante” da diventare, attraverso gli schermi, più vera dell’America reale. Un’America favolosa e favolistica, avventurosa e minacciosa, accogliente e pericolosa, romantica e disperata insieme e ogni giorno diversa.

Da Morricone a Wenders, la musica che sa disegnare lo spazio, rivissuta come in un’avventura“: così il sottotitolo della serata cerca di illustrare il percorso musicale che gli artisti proporranno sul palco. Un incrocio tra il West di Morricone, esotico eppure tanto italiano, e il West di Wim Wenders, appoggiato sulle spalle di Sam Shepard. Si unisce così l’atto d’amore in musica e immagini di un tedesco (Wenders) e due italiani (Leone e Morricone) a una terra mitica, di cui Sam Shepard è uno dei più profondi narratori.

Il risultato è un concerto-spettacolo che ripropone alcuni dei temi più forti di Morricone, legati come in una suite, che unisce il Clan dei Siciliani a Eastwood in un luogo immaginario, con l’occhio straniero di Wenders a inquadrare il tutto. Il tutto intervallato da letture scelte da Motel Chronicles di Sam Shepard, e stralci di altri racconti “di frontiera”.

info: stradeblu.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.