“Guarda l’artista preferito del tuo artista preferito”. Aliytoumi, “Gulli shit”

0
@Aliytoumi, Gulli shit, 2021

 

Aliytoumi, ovvero Aliy Soltan Toumi, ventidue anni, inizia molto presto ad interessarsi alla fotografia.

Due sono gli aspetti del suo lavoro che mi hanno incuriosita: l’utilizzo della pellicola e la capacità di raccontare una Ravenna, città in cui vive, ancora sconosciuta a molti.

Utilizzare la fotocamera analogica è cosa rara, di questi tempi, per un artista così giovane. Nelle sue fotografie ho riconosciuto le caratteristiche cromatiche del negativo: lo scanner ha  in qualche modo sostituito la camera oscura ma non ha potuto rimpiazzare la  materialità della pellicola, la peculiarità del colore, le piccole imperfezioni: tutti quei dettagli che il digitale ha rimosso dalla nostra memoria  sono invece presenti nel lavoro di Aliy, che  apprezza queste caratteristiche come se con l’analogico ci fosse cresciuto e non si preoccupa troppo per la polvere sul negativo, ma insiste sul “vorrei riuscire a far vedere quello che io vedo”.  In dialogo con l’ambiente circostante, non si stanca di osservare la vita attraverso il medium fotografico.

 

@Aliytoumi, walabok #2, 2021

 

La città raccontata da Aliy è una Ravenna che nel tempo si è trasformata da provincia isolata a luogo cosmopolita, diventando contenitore di culture differenti che si intrecciano – non sempre senza problemi – ma che sono il vero valore aggiunto delle società contemporanee, almeno potenzialmente. Tutto questo, raccontato da dentro, è molto più interessante.

Legato alla scena musicale della città, principalmente quella della musica rap, fotografa giovani artisti, amici, amici degli artisti, cameramen, comparse, strade, palazzi. Ovviamente tutto succede come nella migliore tradizione, ossia nel quartiere, “the hood”, come si diceva alle origini della cultura hip hop, verso fine degli anni settanta, nelle periferie americane. Nel caso di Aliy il quartiere in questione è quello che sorge attorno a Via Tommaso Gulli, ovvero le leggendarie case popolari di Ravenna.

 

@Aliytoumi, Enrico, luglio 2021

 

Le fotografie di Soltan Toumy sono, o perlomeno lo sono quelle che io prediligo, degli snapshots (an informal photograph taken quickly, typically with a small handheld camera),  cioè delle riprese veloci; Aliy è nella scena e da dentro ci racconta quello che vive: nelle sue fotografie  si respira il presente. Quello stile un po’ retorico, tipico delle storie cosiddette marginali è qui totalmente assente per lasciare spazio alla volontà di raccontare e all’energia di uno sguardo  in cerca di riscatto, capace di rilevare momenti altamente narrativi, con approccio istintivo ma  preciso. E’ sempre un piacere imbattersi in una visione non ancora dominata da sovrastrutture, una vera epifania per chi guarda. Soltan Toumi deve crescere, ma promette bene.

 

@Aliytoumi, Soviet Gulli 2022

 

“Sono nato in Italia da padre tunisino e madre ungherese, cosa non sempre facile da gestire, ma che mi fa sentire ‘cittadino del mondo’; non sento di appartenere, almeno in buona parte, a nessuno di questi tre luoghi ma penso che la fotografia saprà darmi delle risposte, col tempo; forse è proprio attraverso questa pratica che cerco di comprendere me stesso e il mondo che mi circonda.

Il fatto di provenire da mondi distanti tra loro, sia a livello architettonico che culturale che geografico, mi ha costretto ad adattarmi; ho avuto l’opportunità di conoscere l’infanzia dei miei genitori attraverso i loro luoghi di provenienza e di immaginarli nelle loro vite passate. La mia fotografia è un po’ questo: oltre a raccontare la mia realtà, tendo ad immedesimarmi e a fare parte dei mondi che sto esplorando”.

 

@Aliytoumi, Lorenzo Tronconi, 2021

 

Il suo linguaggio ricorda quello di importanti e celebrati autori della fotografia internazionale, come Boris Michajlov e Bertien van Mannen. Lui indica Daido Moryiama e la sorella, fotografa a sua volta, come prime fonti di ispirazione. Gli auguro e gli consiglio di coltivare il suo talento, quello di saper vedere e saperci mostrare “le cose come sono, le cose come le vediamo”.

 

@Aliytoumi, braid_bwoy, 2021

 

 

Articolo precedenteVerde tempo, tra danza e fotografia
Prossimo articoloMattia Pajè. FUORI TERRA
Sono fotografa e curatrice. A Ravenna ho fondato MyCamera, spazio dedicato alla fotografia contemporanea che è attualmente il mio studio. Tra le mie più recenti collaborazioni Linea di Confine, Mar Museo d’arte della città di Ravenna, Istituzione Biblioteca Classense, Ravenna Festival, Cristallino Arti Visive. Conduco laboratori per ragazzi in collaborazione con Librazione, cooperativa che opera nel sociale con sede a Ravenna e Faenza. Attualmente sono impegnata nella progettazione di libri fotografici su temi inerenti alla mia ricerca, che riguarda il linguaggio fotografico, la relazione tra immagini e quella tra fotografia ed esperienza personale. Nel 2021 ho pubblicato “All the flowers that you plant”, edizioni Skinnerboox e nel 2017 “Troppo sole per Antonioni”, Danilo Montanari editore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.