Casa Artusi e Mariette lanciano un crowdfunding, alla ricerca di ricette e storie di casa

0

 

È il 2007 quando prende avvio il sogno di Casa Artusi e delle Mariette di promuovere Forlimpopoli e il sistema di valori culturali che incarna in Italia e nel mondo. Da quel momento ogni giorno, passo dopo passo, quel sogno è diventato realtà e oggi, tirando le somme di questi primi 15 anni, la Fondazione Casa Artusi e l’Associazione Mariette intendono festeggiare con la realizzazione di una serie di video sul territorio e con un evento di videomapping a tavola: immagini suoni e animazioni che allieteranno gli ospiti presenti il 1 luglio in occasione della 26^edizione della Festa Artusiana, nel mentre che l’Associazione Mariette animerà i presenti con una dimostrazione di pasta fresca fatta a mano.

Per poter celebrare quest’importante tappa Casa Artusi sta continuando a coinvolgere realtà del territorio e grazie alle potenzialità del crowdfunding è alla ricerca di sostenitori che vorranno contribuire, facendo la loro piccola parte, diventando protagonisti dell’evento scegliendo di sostenere il progetto, ricevendo in cambio la possibilità di esporre una propria ricetta di casa, un ricordo, una storia di famiglia con proprio nome e cognome nel percorso museale di Casa Artusi. Ogni persona potrà avere l’opportunità di vedere una propria ricetta di casa accanto a quelle del gastronomo forlimpopolese esposta nella Galleria delle ricette in Casa Artusi.

Per partecipare, sostenere con una donazione e ‘scrivere a Casa Artusi’ la propria storia è sufficiente collegarsi a questo link – oppure in caso si preferisse si può direttamente effettuare la donazione e dunque la consegna della ricetta in Casa Artusi negli orari di apertura al pubblico contattando info@casartusi.it o 349 8401818.

L’affetto, la presenza e il sostegno di tutti coloro che amano storie e racconti sulla cucina italiana e che vedono in Artusi il punto di riferimento di questo sistema potranno unirsi al progetto e sostenere l’evento permettendone la riuscita!

In tutti questi anni Casa Artusi è stato il luogo di incontro, di confronto e riflessione aperto a curiosi, appassionati, turisti che nelle loro case hanno una copia de La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene e di tutti coloro che venendo a Forlimpopoli intendevano conoscere da vicino l’opera e la figura di Pellegrino Artusi. Il lavoro è stato tanto, e va festeggiato con tutti voi: con chi ci ha visti nascere, con chi si è unito strada facendo, e con chi si unirà al progetto perchè siete con noi protagonisti e compagni di un cammino da continuare insieme nel promuovere un racconto tratto da una storia vera: la cucina italiana e Pellegrino Artusi.

Casa Artusi è certa di poter contare ancora una volta sulla vostra vicinanza e vi aspetta a braccia aperte qui il 1° luglio 2022 a Forlimpopoli attorno a quel tavolo simbolo della nostra identità che stiamo costruendo insieme. Perché se anche voi ricordate l’emozione di una ricetta preparata insieme a una mamma o una nonna o se anche voi rivedete nelle pagine dell’Artusi un pezzo della vostra storia di famiglia, allora siamo certi che vorrete aiutare, donare concretamente, supportare il progetto e ottenere una ricompensa artusiana, per godere con noi, di uno spettacolo attorno alla tavola, all’insegna di Pellegrino Artusi!

 

Articolo precedenteCharlotte Gainsbourg in Gli amori di Suzanna Andler
Prossimo articoloOmaggio a Kantor: La classe di Nanni Garella a Bologna
Gastronomo collaboro con la Fondazione Casa Artusi immaginando, scrivendo e curando la narrazione della cucina di casa italiana su differenti canali di comunicazione promuovendo la cultura del territorio. Casa Artusi è il primo centro di cultura gastronomica in Italia che promuove la cucina di casa dedicato a Pellegrino Artusi, gastronomo nato a Forlimpopoli in Romagna nel 1820, padre dell'identità gastronomica italiana e autore dell'opera conosciuta in tutto il mondo: La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene. La Casa, ricavata dalla ristrutturazione del complesso monumentale della Chiesa dei Servi di Forlimpopoli, è suddivisa in diversi spazi tutti riconducibili alle espressioni della cultura del cibo: la biblioteca gastronomica, con i testi delle edizioni del manuale artusiano e il prezioso carteggio con lettere, cartoline e documenti d’archivio indirizzati a Pellegrino Artusi, la Scuola di cucina, la bottega, il ristorante ed enoteca, lo spazio per gli eventi. Casa Artusi è il museo vivo della cucina di casa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.