LA RASSEGNA ROSSINI D’AUTORE AL TEATRO DI LUGO

0
26
Al Teatro Rossini di Lugo tre incontri fra parole e musica con altrettanti protagonisti della canzone italiana: Enrico Ruggeri, Irene Grandi e Piero Pelù si raccontano al giornalista Massimo Cotto e cantano i brani più celebri del loro repertorio.

 

Si chiama Rossini d’Autore la nuova rassegna proposta dal Teatro Rossini di
Lugo, che tra febbraio e aprile mette sul piatto un tris d’assi della canzone
italiana, in una formula che abbina l’incontro intervista con il concerto.

 

Sarà il giornalista e dj radiofonico Massimo Cotto – oggi conduttore a Virgin
Radio dopo essere stato per vent’anni una delle voci di punta di Radio Rai –
ad accogliere nel “salotto” sul palco del Teatro Rossini tre grandi autori e
interpreti, in bilico tra rock e canzone d’autore. A Cotto spetterà il compito di
condurre le tre serate fra parole e musica, scavando fra i ricordi e gli aneddoti,
indagando le motivazioni di un verso o di un gesto, spingendo all’esecuzione
di una canzone celebre o di un’altra più oscura e nascosta nel vasto repertorio
dei tre grandi protagonisti del rock italiano.

 

Aprirà la rassegna Enrico Ruggeri, venerdì 17 febbraio, raccontando quasi 50
anni di rock e canzone d’autore, dagli esordi punk di Champagne Molotov e
Decibel alle numerose partecipazioni al Festival di Sanremo e cantando i brani
più significativi delle varie fasi della sua carriera.

 

Venerdì 10 marzo sarà la volta di Irene Grandi, grande voce femminile in
sintonia sia con la melodia italiana che con il rock di matrice anglosassone,
che svelerà la sua passione per il soul e il blues, reinterpretando
nell’occasione molte perle del suo repertorio.

 

Venerdì 21 aprile toccherà ad un altro fiorentino, Piero Pelù, chiudere la
rassegna, raccontando 40 anni di rock italiano scritti da lui e dai Litfiba
attraverso tour infiniti e decine di canzoni diventate inni per generazioni
diverse di fans, molte delle quali saranno riproposte in forma nuova e inusuale
durante la serata.

 

  • Esistono i concerti, che sono rito e celebrazione, messa profana e condivisione.
    Esistono le interviste pubbliche, che sono botta e risposta e parole lanciate a
    tutta velocità.
    E poi esistono gli incontri di parole e musiche, il cui risultato è superiore alla
    somma delle parti, perché l’atmosfera che si crea è unica. L’artista si racconta
    con le sue canzoni, ma anche con i suoi ricordi. Il pubblico dimentica di essere
    in teatro e s’immagina davanti a un camino, con il fuoco dei racconti che scalda
    le ossa.
    La prima volta che ho proposto questa formula è stato ancora nel vecchio
    millennio. All’inizio gli artisti erano perplessi, avevano timore di non riuscire a
    tenere alta la tensione passando dalla parte parlata a quella cantata e viceversa.
    Oggi è il modo migliore per conoscere ancora meglio un artista, per vedere la
    persona dietro al personaggio, per svelare belle fragilità e storie inedite.
    Rossini d’autore mette sul piatto un tris d’assi che hanno molti punti in comune:
    tutti e tre sono in bilico tra rock e canzone d’autore, tutti e tre hanno coltivato il
    senso della profondità ma non hanno mai dato spazio a snobismi culturali, tutti e
    tre hanno infinite avventure da raccontare: Enrico Ruggeri, Irene Grandi e Piero
    Pelù.
    Io cercherò di scavare, di trovare la vena giusta, di aiutarli a inventare una serata
    unica e irripetibile, perché questi incontri di parole e musica hanno una
    caratteristica: se i concerti si possono replicare in modo simile, anche se non
    proprio eguale, queste serate no, perché gli artisti non conoscono le mie
    domande e io non so le loro risposte. Quindi, ogni serata sarà particolare,
    imprevedibile e, mi auguro, indimenticabile.

     

    Massimo Cotto si è sempre diviso, anzi moltiplicato tra più attività, nel segno dell’eclettismo. È una delle voci storiche della radiofonia italiana: ha debuttato giovanissimo ai microfoni di RaiStereonotte, di cui ha condotto sette edizioni, è rimasto in Rai per vent’anni, di cui quattro come responsabile artistico di Radiouno, per poi passare a Radio 24, Radio Capital e infine Virgin, dove conduce ogni mattina Rock and Talk. Scrittore prolifico – 72 libri a sua firma, molti scritti in collaborazione con i più grandi artisti italiani, da Ligabue a Guccini, ha lavorato per le più prestigiose riviste italiane e internazionali, tra cui l’americana Billboard e la tedesca Howl!. Narratore a teatro (tra i suoi spettacoli, Chelsea Hotel, Rock Bazar, Decamerock e Da quando a ora, scritto con Giorgio Faletti), direttore artistico di prestigiose rassegne, presidente di Commissioni artistiche per giovani talenti (ha guidato per oltre dieci anni Sanremolab e Area Sanremo che sceglie i giovani per il festival e per tre anni ha presieduto la giuria del Primo Maggio di Roma) e autore televisivo (tra i tanti programmi, anche il Festival di Sanremo e The Voice), è anche Cavaliere al merito e Ufficiale della Repubblica italiana.

     

    Info
    Tutti gli “incontri con concerto” avranno inizio alle ore 21.
    I biglietti saranno disponibili sia alla biglietteria del Teatro Rossini di Lugo,
    negli abituali orari d’apertura, sia online sulla piattaforma vivaticket.com, a
    partire da lunedì 30 gennaio alle ore 10.