La Festa della Liberazione a Riccione

0
73

Concerti, incontri, spettacoli ed eventi unici: questo è il programma di Riccione per il ponte dal 22 al 25 aprile. Una rassegna di quattro giorni che avrà inizio con la Giornata della Terra e che si concluderà con la Festa della Liberazione.

Vinicio Capossela, Don Antonio, Alessandro Bergonzoni, lo storico Carlo Greppi, lo scrittore Oliviero La Stella, l’attrice Alessia Canducci, gli artisti Inserire Floppino e Andrea Mantani, il Tassello Mancante, Musicantiere, Associazione Michele Pulici e Anpi saranno alcuni dei protagonisti degli incontri-spettacoli che avranno come filo condutture le parole terra, memoria e libertà.

La festa prende il via nella mattinata del 22 aprile quando il Parco della Resistenza si arricchirà di attività ed iniziative per i più piccoli. Il professore Loris Bagli racconterà dell’ambiente naturalistico del parco, mentre la Compagnia Teatrale Fratelli di Taglia proporrà letture di fiabe e leggende legate agli alberi.

In serata, alle ore 21, Alessandro Bergonzoni, perimentatore linguistico ed esploratore del comico, andrà in scena sul palco di piazzale Ceccarini con lo spettacolo Intervista a Alessandro Bergonzoni. In conversazione con il giornalista e scrittore Oliviero La Stella, l’attore porta in scena i problemi legati all’ambiente. Al termine dello spettacolo, Alessia Canducci offrirà la sua voce per la lettura del messaggio di Monica Maimone, direttrice artistica di Festi Group. A seguire si terrà lo spettacolo Segnali di futuro. Riflessioni sulla green city, una performance di danza aerea, parole e immagini con Valentina Ribaudo.

Nella Giornata mondiale del libro, il 23 aprile, Vinicio Capossela e Don Antonio offriranno il proprio omaggio ai libri, con un concerto-spettacolo alle ore 18 presso piazzale Ceccarini. I due  si esibiranno in un concerto di canzoni che traggono ispirazione dalle parole dei libri e dalle rose della poesia. Uno spettacolo ispirato da Omero e Dante, Wilde e Kerouac, Pasolini e Conrad e Céline che sarà a due giorni dall’uscita di Tredici canzoni urgenti, per cui Capossela proporrà inoltre in anteprima alcuni nuovi brani.

Si prosegue lunedì 24 aprile, alle ore 18, presso piazzale Ceccarini: qui, lo storico e scrittore Carlo Greppi darà vita a un dialogo insieme allo storico Davide Bagnaresi attorno al suo ultimo libro, Un uomo di poche parole. Storia di Lorenzo, che salvò Primo. Il volume, giunto alla quarta, racconta la storia di Lorenzo Perrone, un muratore piemontese che viveva fuori dal reticolato di Auschwitz III-Monowitz e che si trovò per caso a costruire muri lungo il reticolato. Lì, rischiando la propria vita, aiutò un giovane a sopravvivere al lager, Primo Levi.

In occasione del 78° anniversario della Liberazione il corteo composto dalle autorità e da tutti coloro che vorranno partecipare partirà alle ore 10 dall’ingresso della Residenza comunale per raggiungere il monumento dei Caduti di tutte le guerre, dove verrà deposta una corona di alloro, seguita dall’accompagnamento musicale del Corpo Bandistico di Mondaino. Il corteo procederà verso viale Ceccarini per portare una seconda corona d’alloro alla statua in memoria di Salvo D’Acquisto. Si proseguirà poi per raggiungere il giardino del Centro della Pesa e la mattinata di chiuderà con le musiche a cura degli alunni delle Scuole secondarie di primo grado Geo Cenci, seguita dalle letture a cura degli studenti del Liceo Volta – Fellini e del Savioli di Riccione. Nel giardino del Centro della Pesa sarà allestita un’esposizione temporanea dell’opera artistica intitolata Totem della pace di Lorenzo Canducci.

Nel pomeriggio del 25 aprile, piazzale Ceccarini ospita il saggio degli allievi della scuola di cultura musicale Musicantiere, Canzoni contro la guerra, canzoni di libertà (ore 16), un concerto di brani rock popolari. Le celebrazioni si chiudono con la mise en éspace dell’associazione Il Tassello Mancante, dal titolo Memorìa. Il silenzioso urlo dell’umanità ai tempi del Terzo Reich, alle ore 21 alla Granturismo.