LE JARDIN DES BRUITS: la lotta per la nostra identità, qualsiasi essa sia

0
97

E così sia è il primo singolo anticipatore del secondo album, Cuore di Cane, in uscita in autunno di Le Jardin Des Bruits, band fiorentina composta da veterani della musica alternative italiana che mai hanno mollato la passione e l’attitudine rock nell’espressione della propria carriera artistica, per Urtovox Records e distribuito da The Orchard.

E così sia è l’analisi introspettiva di un percorso umano. Una storia che raggiunge il suo focus con lo svelamento della propria consapevolezza. Ad un certo punto della nostra vita si arriva a fare i conti con noi stessi, a valutare ciò che siamo realmente, spogliati dai filtri dei compromessi quotidiani e dai pregiudizi che noi abbiamo riguardo a ciò che realmente siamo. Una narrazione soggettiva che affronta però un tema universale: il riconoscimento e l’accettazione della propria identità.”

Un ensemble di grandi musicisti di talento ed esperienza che si uniscono all’unisono, seminando fiori in questo giardino di colori e sonorità indie rock.

E così sia è un cantuatorato d’autore che porta l’ascoltatore a tuffarsi completamente in questo pezzo e analizzare il suo vero essere.

La vocalità di Simone Tilli, profonda e teatrale, accompagnato da una band con i controcazzi ci trascina in questo viaggio alla scoperta e accettazione di noi stessi.

Perchè a volte fa paura guardarsi dentro e accogliere ogni nostra sfumatura e scappare o affondare nell’oblio ci sembrerebbe la scelta migliore da fare, nascondendoci da quello che siamo.

Les Jardin Des Bruits ci esortano a lottare per la nostra identità, qualsiasi essa sia.

E così sia.

CAMMINO
RASENTE AL MURO
CHE CON SAPIENTI MANI
TU HAI COSTRUITO

RESPIRO
IL SILENZIO SURREALE
IN QUESTO STRANO GIORNO
DA NON DIMENTICARE

ASCOLTO
LA TUA FLEBILE VOCE
CHE DISINVOLTA MI DICE
CHE TI DISPIACE

VIVO
L’ASSOLUTA CERTEZZA
CHE MI IMPONE IL PRESENTE
CHE DOVE PRIMA C’ERI TU ADESSO NON C’È PIÙ NIENTE

ALLA FINE
UNA LACRIMA SCENDE
SOLCANDOMI LE GUANCE
LENTAMENTE

ED È LUCE
DOPO L’OBLIO
ORA SO CHI SONO IO
E NON È PIÙ COSÌ IMPORTANTE CHE TU SIA DISTANTE

CAPISCO FINALMENTE
CHE DI TUTTO QUESTO
NON RESTERÀ NIENTE
E CHE IN FONDO HO TROVATO
LA MIA VIA
E COSI’ SIA