Elza Soares, lacrime di samba sulla punta dei piedi

La regina della musica e della favela brasiliana, la donna che scandalizzò un popolo per l’amore da copertine quanto disperato con Garrincha, è tornata: non si sa se di anni ne abbia o quasi 80 o quasi 90 e viaggia su sedia a rotelle – ma la certezza è che A Mulher do Fim do Mundo è davvero un disco avveniristico. Ospiti speciali Celso Sim e Rodrigo Campos. La recensione.

Hope Sandoval, divina creatura

Until The Hunter riporta alle cronache la splendida cantante e autrice dei Mazzy Star: ossia terzo lavoro con il progetto parallelo Warm Inventions. Il risultato è un album intenso e fra i più belli del 2016. Ospite in un brano Kurt Vile, mentre dietro alla consolle e uomo ombra tuttofare è sempre il consolidato Colm Ó Cíosóig (My Bloody Valentine). La recensione.

Gaspare De Vito: “Con l’elettronica mi riconnetto con la natura. E con me stesso”

Un viaggio immaginario che si svolge durante un tramonto, “uno di quegli eventi che giornalmente ci ricordano la profonda connessione che abbiamo con la...

Disco tributo a Jacques Dutronc, una vera Cacapoum!

Tanti nomi più o meno noti della scena francese rendono omaggio al grande artista parigino – risultato poco incoraggiante, anche se l’album comunque ci dà la possibilità di parlare di un vero genio della musica contemporanea.

Random, ode al nuovo “minimalismo cantautoral-pop” del Duo Bucolico

La vita trascorsa a bordo di un furgone, vagando freneticamente qua e là, come la pallina di un flipper, su e giù per i...

Slat, un rapper senza filtri nel Paese dei Balocchi

“Eccomi qua senza né patria, né padrone. È come se vivessi in mezzo tra la luna e il sole. Ripenso alle persone, ci investo...

Il vento cattivo di Tony Joe White

Eccellente ritorno del Maestro di Oak Grove, Louisiana: Rain Crow è l’ennesimo disco da non perdere di un artista unico e irripetibile. Uno fra i brani è scritto con l’attore-regista-musicista Billy Bob Thornton. La recensione di uno degli album più belli del 2016.

Sonny Yea: tra disco house, power pop e liriche al confine della guerriglia

Il video del brano La città lanciato a settembre su YouTube sfiora le 130 mila visualizzazioni: è la prima puntata di una sorta di...

Ronnie Spector, il cuore inglese di New York

Impeccabile ritorno della ex voce delle Ronettes, che in English Heart infila una selezione di (non scontati) pezzi all-british di classici anni Sessanta: Stones, Animals, Kinks, Beatles, Fortunes, Bee Gees, Gerry & The Pacemakers e altri. La recensione.

Jimmy Page, l’ascesa di Lucifero

Accanto alla ristampa dell’intero catalogo Led Zeppelin, il chitarrista pubblica anche Sound Tracks, quadruplo cofanetto dove trovano spazio le colonne sonore di Lucifer Rising e di Death Wish II accompagnate da molti inediti.

Dexys, al sapor di country-soul irlandese

Il travolgente gruppo inglese guidato da Kevin Rowland (una volta erano i Dexys Midnight Runners) dopo il capolavoro del 2012, regalano con Let The Record Show/Dexys Do Irish And Country Soul un’appendice fatta di cover, omaggio a 360° allo scibile musicale. In scaletta brani a firma Bee Gees, Joni Mitchell, Johnny Cash, Rod Stewart, Hugh Masekela, Slim Whitman nonché qualche standard Irish rifatto con classe diamantina. La recensione.

Il crepuscolo di Robbie Robertson

Testimony accompagna il libro autobiografico con lo stesso titolo che l’ex chitarrista/autore della Band ha appena pubblicato: l’antologia pesca qui e là in una carriera che ha visto grandissimi momenti con il suo gruppo, con Bob Dylan, con Ronnie Hawkins e anche in proprio. La recensione.

Allen Ginsberg e il blues primitivo

Eccezionale triplo boxset che raccoglie due dischi con diversi inediti del grande poeta di Jukeboxe all’idrogeno. In The Last Word On First Blues fanno parata anche amici e adepti come Bob Dylan, David Mansfield, Arthur Russell, John Hammond Sr, Harry Smith, Hal Willner, Peter Orlovsky e diversi altri. La recensione di un vero gioiello irrinunciabile.

L’Ombrellone e la Medusa: la fiaba musicale al sapore di salsedine di Christian Ravaglioli

Una storia d’amore estiva al sapore di salsedine, un po’ folcloristica e un po’ sognante, marittima nei tratti e nostalgica nell’intenzione. Una fiaba musicale...

Il 13 aprile esce “Auguri Alberta”: il pop-folk immaginato di Farnedi

Lo sanno tutti: se oggi vuoi fare musica ci sono due strade, i talent e l'indie. Poi c'è Enrico Fanedi, che non lo sapeva...

Bob Dylan e gli angeli caduti

Ecco il secondo capitolo dedicato al repertorio di Frank Sinatra: per Fallen Angels l’artista porta la sua band di nuovo ai Capitol Studios e ne esce con una serie di standard immortali fatti propri in modo molto convincente. La recensione.

Howe Gelb e gli standard del futuro

Esce proprio domani il nuovo album della grande testa pensante dei Giant Sand: Future Standards, nonostante il titolo forviante, è una raccolta di splendidi nuovi pezzi con l’eccezione del suo classico Shiver (In Tucson). Ospite in diversi pezzi a duettare con l’artista è la giovane cantautrice Lonna Kelley. La recensione.

David Bromberg: Bob Dylan non suona con degli sfigati!

The Blues, The Whole Blues And Nothing But The Blues è il nuovo disco del grande artista americano, che per la seconda volta si fa produrre da Larry Campbell. Il menù offre un paio di originali e tutta una serie di cover fatte con cristallina maestria. La recensione.

Il delirio di Les Claypool & Sean Lennon

L’improbabile coppia formata dal leader dei Primus e dalla progenie Lennon-Ono regala al mondo Monolith Of Phobos – e il mondo dovrebbe esserne contento! Non tutto perfettamente a fuoco, ma l’inedito duo ci dà dentro che è un piacere. La recensione.

Nikki Sudden, l’ultimo bandito!

A quasi dieci anni dalla scomparsa dell’artista come un fulmine a ciel sereno esce Fred Beethoven, disco postumo di assoluto valore che ribadisce ancora una volta la grandezza di colui che fu leader degli degli Swell Maps e dei Jacobites.