Tra Catania, l’Ohio e Bogotá

0
773
e11538

 

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,
chi è infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza per l’incertezza,
chi rinuncia ad inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica.
Pablo Neruda

 

Ecco l’intervista a Salvatore Motta, che al Festival internazionale di narrazione di Arzo ha presentato lo spettacolo autobiografico Nonni Avi – Emigrante di mezzo.

Ascoltala qui.

 

 

MICHELE PASCARELLA

  

 

info: http://www.festivaldinarrazione.ch/edizione-2013/artisti-spettacoli/42-salvatore-motta

 

Previous articleScrivere col mondo
Next articleFinale di stagione
Per lavoro: ufficio stampa e comunicazione di progetti artistici e culturali. Per passione: critico e studioso di teatro, danza e arti visive. Curioso di altre arti. Camminatore. Collaboro con Gagarin dal 2012: interviste, presentazioni, recensioni, in alcuni periodi ho anche distribuito la rivista cartacea in giro per la Romagna. Quello che mi piace di Gagarin: la varietà, la libertà.