granturismoClaudio Cavallaro, meglio conosciuto su queste pagine per essere l’immmaginifico autore della Canzone di Horser, musicista, dj e vorace, onnivoro ascoltatore di musica, ha riportato tutto a casa e mescolato gli ingredienti in “Caulonia limbo Ya Ya”, disco a firma Granturismo (con Enrico Mao Bocchini alla batteria e Alfredo Nuti Dal Portone alle chitarre) edito da Brutture Moderne con la supervisione artistica e la produzione del guru Francesco Giampaoli.

Rock&Roll e country, soul e calypso, ska, blues psichedelico, tropicalismo e canzone d’autore s’abbracciano in un album schierato a tre punte, con un suono che nasce da un’idea di orchestrina anni ’60 ai cui strumenti qualcuno ha attaccato per errore un fuzz, e che poi strada facendo ha preso gusto a macinare riff. Una specie di Fred Bongusto-meets-Black Keys, con alcune delle chitarre più robuste mai sentite a queste latitudini. Un suono che talvolta si lascia andare alla psichedelia per poi darsi di nuovo un contegno e tornare sul registro della musica leggera, pop, danzereccia, di evasione e pensante allo stesso tempo. Utopico e rispettabile tanto quanto il fallito golpe calabro tentato da un lontano antenato di Cavallaro nella città che dà il nome al disco.

Suonano giovedì 28 novembre a Mercato Saraceno. Sabato 30 novembre Cavallaro presenta in acustico alcuni brani a Faenza.

 

28 novembre, Mercato Saraceno (FC), Granturismo, Vufer Club c/o Osteria de li Onesti, Largo Fiume 1, ore 22

30 novembre, Faenza, Granturismo, Casa del Disco, c.so Mazzini 38, ore 18, info 0546 668194, casadeldiscofaenza.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here