calibro 35Il gioco si è fatto molto serio per la banda di Enrico Gabrielli, Massimo Martellotta, Luca Cavina e Fabio Rondanini. Sono passati cinque anni da Calibro 35, loro debutto dall’aspetto ludico ed estemporaneo, omaggio alle grandi colonne sonore dei film polizieschi italiani: riletture funky-jazz di autori immensi come Micalizzi, Morricone, Bacalov e Trovajoli, per la gioia di tanti appassionati di un genere che, retrocesso in serie B dalla critica italiana dell’epoca, è rimasto nella memoria dei cinefili influenzando generazioni di autori (chiedere a Quentin Tarantino in primis).

Il gioco però, come da sceneggiatura noir, è scoppiato in mano ai cinque milanesi (c’è anche Tommaso Colliva alla regia occulta): una dinamite dalla miccia troppo corta che li ha sparati verso tournée mondiali, con America e Giappone a litigarseli. Ma i ragazzi della banda sono sempre stati delle teste calde, e ridursi al ruolo di comprimari che suonano semplici cover non fa decisamente per loro.

Logico quindi abbandonare le grandi composizioni del passato privilegiando progressivamente partiture originali, fino al passo definitivo compiuto nel quarto album uscito lo scorso ottobre, dove alzano definitivamente il tiro componendo la colonna sonora originale per un romanzo noir: Traditori di Tutti è la sonorizzazione dell’omonimo capolavoro scritto da Giorgio Scerbanenco nel 1966. Attraverso i solchi del vinile si muove il protagonista Duca Lamberti, medico radiato e costretto all’investigazione, immerso in una Milano quanto mai cupa e intento a togliere Giovanna dai suoi troppi guai: dovrà anche ricostruirle l’imene per le imminenti nozze (Scerbanenco era avantissimo!).

Prologue apre il dramma avvolgendo l’aria con un mellotron carico di mistero, Giulia Mon Amour omaggia ilparty beat d’epoca sixties, Mescaline 6 punta tutto sulle atmosfere psichedeliche, mentre Vendetta è puro acid-funky da blaxpoitation, nota di merito per la sexy-exotica The Butcher’s Bride, apice assoluto dell’opera.

Volete sapere cosa ci fa un’auto crivellata di colpi nel naviglio vicino a Buccinasco e di chi sia quel segaossa utilizzato per il delitto? La soluzione sabato 16 novembre al Bronson di Ravenna.

GIANMARCO PARI

16 novembre, Ravenna, Calibro 35, Bronson, via Cella 50, Madonna dell’Albero, ore 22, info: bronsonproduzioni.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here