Roberto Gatto
Roberto Gatto
Roberto Gatto


Artusi Jazz riparte dal pianoforte. Dal 3 al 5 gennaio, con una programmazione attenta come sempre a intercettare le orbite dei nomi più celebrati ma anche le piccole chicche da intenditori. Un appuntamento che sta… pian piano diventando un punto di riferimento del territorio, o e non solo. C’è Roberto Gatto, unico protagonista non pianistico, che tributa Miles e Coltrane con un’ottima formazione (il 5): quattro tra i musicisti più in vista sulla scena jazz Italiana, che raccolgono la sfida di rileggere il repertorio delle formazioni più innovative della storia della musica e onorare la classe di alcuni “numeri uno” del jazz mondiale aggiungendovi il loro tocco di novità.

Poi, c’è Dado Moroni in duo con Max Ionata al sassofono con un tributo a Duke Ellington, e una doppia apparizione di Luigi Bonafede con interessanti line up (il 3 con Yuri Ciccarese al flauto e Gianni Faccetta alla fisarmonicacon con il progetto ‘Invenzioni a due voci’ che riprende una fortunata trasmissione di Radio 3 in cui si invitava un pianista a creare estemporaneamente una composizione dopo l’ascolto di un brano proposto dal conduttore, e il 4 con Gaspare Pasini al sassofono). C’è un’idea itinerante, che tocca Forlimpopoli il 3, Bertinoro il 4 (in tre momenti diversi) e Meldola il 5. E c’è l’immancabile jam session, che il jazz è anche esperienza da condividere. Biglietti fra i 10 e 15 euro con possibilità di abbonamento. Il tutto per mano dell’associazione culturale Dai de Jazz.

Da venerdì 3 a domenica 5 gennaio 2014 in tutte le sedi di concerto sarà esposta “Duets” mostra fotografica itinerante di Roberto Cifarelli.

 

Info: 340 5395208, info@artusijazzfestival.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here