Mandiaye N'Diaye

 

Mandiaye N'Diaye
Mandiaye N’Diaye

 

Questa scomparsa è troppo improvvisa e intrecciata ad alcune persone molto care per ridurla a un esaustivo e sintetico coccodrillo.

Permettetemi dunque solo poche righe in libertà.

E un consiglio: ascoltare, qui e ora, l’esecuzione di Glenn Gould di Contrapunctus XV da L’arte della fuga, la raccolta di composizioni che Johann Sebastian Bach lasciò incompleta a causa dell’improvvisa morte, nel 1750.

Teatro delle Albe, I Polacchi - foto Silvia Lelli
Teatro delle Albe, I Polacchi – foto Silvia Lelli

 

Va pr è mond

in lêrgh, in longh,

luntân da sta tësta

rêgan e timpësta,

la tresta sôrta,

la mêla môrta,

piêgh e malatì,

la mêla cumpagnì,

rogna e bdöc,

strigh e malöc,

vepra e can rabì,

fâm e carastì,

la séd e e’ disunór

la guëra e e’ mêl d’amór.

Parchè ch’e’ conta,

a t’segn tre vôlt la fronta.

 

 

Chi sente per primo questo profumo va in Paradiso.

 

MICHELE PASCARELLA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.