Pensatevi Liberi! Bologna Rock 1979

0
315

Il MAMbo presenta nella sezione dalla Project Room una nuova mostra dedicata alla storia più recente di Bologna, facendo il punto su uno degli eventi che hanno contribuito a costruire il mito del capoluogo emiliano come città d’avanguardia e contemporanea. A cura di Oderso Rubini e Anna Persiani, la mostra Pensatevi liberi. Bologna Rock 1979 ripercorre le tappe che hanno portato allo storico concerto che radunò più di seimila persone al Palasport di Bologna, il 2 aprile del 1979, un evento che può essere considerato il simbolo di una stagione non esclusivamente musicale ma anche sociale, culturale, politica che ha lasciato il segno nella storia della città e dell’Italia tutta.

I visitatori potranno percorrere lo spazio della sala muovendosi tra un centinaio di vinili, fanzine originali quali Harpo’s, A/traverso, Svacco, Punkreas, Musique Mecanique, Great Complotto, poster, cassette audio, una selezione di fotografie, comunicati e rassegne stampa, amplificatori, mixer e sintetizzatori, fino ad arrivare a un trenino Rivarossi, a una macchina da scrivere IBM e a un mappamondo gonfiabile. Questi materiali si mescoleranno a opere quali il ritratto di Freak Antoni realizzato da Piero Manai, disegni e collage originali di TRAUMFABRIK (Andrea Pazienza, Filippo Scozzari, Giampietro Huber, Giorgio Lavagna), il dipinto Tuxedomoon di Giampietro Huber, tavole originali di Giorgio Carpinteri tratte da Mumble Rumble e di Nicola Corona da Rinascimento Urbano.  Un percorso espositivo che vuole dar conto di come artisti diversi tra loro siano stati accomunati dal lavorare in totale libertà, low-fi, come sottocultura che produce cultura.

 

Dal 17 maggio al 29 settembre 2019
Inaugurazione giovedì 16 maggio 2019 alle h 19.00 con un live set di Samon Takahashi.

Pensatevi Liberi. Bologna Rock 1979

Bologna, MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, via Don Minzoni 14
Info e Orari: mambo-bologna.org

 

 

 

(lr)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.