los-lobosLa formazione che, senza negare la tradizione e le proprie radici, è diventata il simbolo di una maniera avventurosa, tutta americana, di sovrapporre le culture e i suoni, e ottenere infine qualcosa di profondamente radicato e profondamente nuovo al tempo stesso.

Se per gli ascoltatori distratti i Lobos rimangono sempre quelli del successo planetario incredibile de La Bamba, per tutti coloro che hanno seguito lo sviluppo della musica roots contemporanea da fine anni ’80 ad oggi i lupi sono – come li definisce Tom Waits – i “cubisti della musica americana”.

Musicisti che hanno lavorato su un’idea di suono latino che si incontra e si scontra con tutti gli altri grandi affluenti del Suono Americano.

Blues, Folk, Jazz, fino al Punk e alla psichedelia californiana.

Dischi come Kiko o The Neighborhood nei ’90 hanno segnato il suono di centinaia di altre band, puntando oltre i confini di qualsiasi folklore, con una cura del suono e un rispetto della canzone e della melodia senza precedenti.

Ma non si sono mai fermati, i Lupi, sempre con Perez e Hidalgo in prima linea, e ogni loro disco è ancora oggi una lezione di stile e di avventura.

Dopo l’annullamento del tour dell’anno scorso suonano l’8 luglio a Strade Blu, in una delle tre uniche date italiane.

8 luglio, Faenza, Strade Blu, Los Lobos, Piazza Nenni (ex Molinella), ore 21.30, info: +39 347 8932009, stradeblu.org 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.