giuda
I Giuda, gruppo nato nel 2010 da un gruppo di ragazzi della working class romana, hanno riscoperto il rock and roll quando si incontra con il punk. Il risultato è stato incendiario. Con i loro precedenti album hanno riscosso ottime recensioni in Italia, ma sopratutto all’estero in particolare con Let’s do it again (Damaged Goods) hanno ottenuto riconoscimenti dal Guardian e anche da Mojo, una delle due principali riviste di musica inglese, nel quale comparivano in una playlist insieme a Bowie.

Hanno venduto nel 2013 10mila vinili e stanno facendo, senza interruzione, tour negli Stati Uniti e in Europa.

A vederli sembrano usciti da una scena del film “Una 44 magnum per l’ispettore Callaghan”. La loro forza è appunto l’autentica energia popolare, quella di chi non ha la presunzione di inventare nulla di nuovo e non ha nessuna intenzione di collocarsi nell’attuale scena indie italiana, ma al contrario cerca, con orgoglio, l’identificazione negli archetipi della cultura popolare, come ad esempio il mondo del calcio o quello della classe operaia.

Il mese scorso è uscito il loro nuovo album Let’s Evil con l’etichetta svedese Burningheart Records

Suonano benissimo, ai loro concerti impossibile non battere i piedi. Da non perdere.
16 gennaio, Bologna, Covo Club, viale Zagabria 1, ore 22.30, info covoclub.it

22 gennaio, Padova, Circolo Mame, ore 22.30

23 gennaio, Milano, Biko, ore 22

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here