Venerdì 10 e sabato 11 marzo, in esclusiva italiana, arriva a Bologna Compassion. La storia della mitragliatrice di Milo Rau, regista svizzero di nascita e tedesco di adozione.

Tra i protagonisti assoluti della nuova scena europea, Rau, non ancora quarantenne, regista teatrale e cinematografico, porta il suo spettacolo in Arena grazie al Progetto Prospero, la rete europea che dal 2008 facilita lo scambio di spettacoli tra alcune delle più importanti realtà teatrali europee.

Dal 2009, Rau si è distinto sulla scena internazionale per la realizzazione di opere sviluppate con il metodo del ‘reenactment’, che consiste nella ricostruzione e riproduzione fedele di eventi politici, storici e sociali, a partire da testimonianze storiche dirette e con l’intento di far riflettere su alcuni temi e tensioni attuali.

Un lavoro che lo stesso Rau ha avuto modo di definire «prettamente politico, in cui ho cercato di reagire all’attualità», Compassion. La storia della mitragliatrice ripercorre le tappe di un viaggio compiuto da Rau insieme al suo team, attraverso la Siria, la Turchia, la Grecia e la Macedonia; un cammino che segue le orme dei rifugiati, per arrivare a prendere in esame le questioni scottanti dell’epoca in cui viviamo.

Lo sguardo di Milo Rau, sensibile e intelligente, si sposta dalle rotte mediterranee dei profughi che dal Medio Oriente cercano di raggiungere l’Europa, alla Repubblica Democratica del Congo afflitta da una feroce guerra civile, passando per le testimonianze degli operatori delle Organizzazioni non governative, di uomini di chiesa, di reduci e vittime di guerra che hanno riportato conseguenze fisiche e psichiche.

Evento straordinario di teatro semi-documentario in cui si intrecciano due racconti e due prospettive differenti, portati in scena da Consolate Sipérius, attrice originaria del Burundi e da Ursina Lardi attrice svizzera/tedesca, Compassion varca il non detto e apre alla riflessione sulla reale fragilità dell’identità europea, svelando non solo il suo sentimento di pseudo-compassione, ma gli stessi limiti e le contraddizioni dell’umanitarismo del mondo occidentale.

Il 10 marzo, la visione di Compassion sarà preceduta alle ore 20.15 dall’Aperitivo Wikiarena (inizio aperitivo ore 19), un breve incontro di introduzione allo spettacolo a cura di Roberta Ferraresi; al termine dello spettacolo Roberta Ferraresi incontra le  due protagoniste Ursina Lardi e Consolate Sipérius.

Venerdì 10 e sabato 11 marzo, Teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44, Bologna, info: www.arenadelsole.it www.emiliaromagnateatro.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here