Prende vita l’8 marzo la seconda edizione di “Votes for Women! Santarcangelo per le Donne”, il festival nato un anno fa su iniziativa dell’amministrazione comunale del comune romagnolo, di Fondazione Culture Santarcangelo e dell’associazione Ora d’Aria. Lo fa con un’edizione ampliata rispetto a quella del 2016 mantenendo fermo l’intento di raccontare l’universo femminile in modo trasversale, mescolando musica, teatro, fotografia, cinema, scrittura e fumetto. “Nel 2016 ‘Votes for women!’ è nato come un esperimento per uscire dalla logica istituzionale dell’8 marzo e celebrare la figura femminile in modo innovativo, avviando un discorso con le donne e sulle donne” dichiara la giovanissima prima cittadina clementina Alice Parma. “Quest’anno la manifestazione non solo è confermata ma si ingrandisce, mantenendo al centro della programmazione la qualità dell’offerta artistica e culturale”. Il via alle iniziative lo darà la mostra “Sui passi delle donne” – in programma al Musas mercoledì 8 – per poi articolarsi fino alla fine del mese. Del programma fanno parte la presentazione di poesie dialettali “Sénza vultès indrì” di Germana Borgini (giovedì 9, biblioteca Baldini), il recital “Gabriella Ferri sempre” di e con Lucie Ferrini (venerdì 10, Teatro Lavatoio), giovedì 16 uno speciale doppio appuntamento dedicato a Marilyn Monroe al Supercinema di piazza Marconi: alle 18,30  la presentazione del graphic novel “Goodbye Marilyn” alla presenza degli autori Francesco Barilli e Roberta ‘Sakka’ Sacchi, mentre alle 21 sarà proiettato il documentario “Love, Marilyn” di Liz Garbus. La parte musicale del festival è però quella che spicca particolarmente: quattro appuntamenti live di cui almeno un paio imperdibili. Si comincia domenica 12 al caffè osteria Borgo Est con il lo-fi folk delle ravennati In.versione Clotinsky, le Beirut di casa nostra presenteranno il loro ultimo LP “Taxi” in una delle tappe del loro interminabile tour letteralmente on the road. Venerdì 17 sarà la volta di Io la tigre, altro duo di casa nostra, alla ex biblioteca di via Cavallotti. Nate dallo scioglimento delle Meleagre, Aurora e Barbara propongono un indie rock aggressivo che fa inevitabilmente pensare ai White Stripes anche se sono molto più punk e meno blues di Jack White e compagna. La data da appuntarsi è però domenica 26, quando alla ex biblioteca, salirà sul palco Angela Baraldi. La cantautrice bolognese, dopo una lunga parentesi in cui si è ritagliata un importante ruolo di interprete nei tour dedicati a CCCP e Joy Division, torna finalmente a pubblicare un album di inediti a quindici anni di distanza dal precedente. Si intitola “Tornano sempre” ed ha già incontrato i favori della critica. Per quanto mi riguarda, se Lou Reed ha un’erede in giro per il mondo è sicuramente lei. L’ultimo appuntamento è per venerdì 31 ancora alla ex biblioteca, quando saranno Tying Tiffany e il suo elettrodark a smuovere le pareti della ex biblioteca. Padovana di nascita e con trascorsi riminesi, è ormai più facile vederla esibirsi in Texas o a Berlino che nel nostro paese, anche per questo il consiglio è di non mancare!

Per informazioni: Ora d’Aria, 348/0023422 –  338/7896494  www.facebook.com/odaria

GIANMARCO PARI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here