A partire da giovedì 26 ottobre ha inizio il Bologna Jazz Festival, il cartellone di eventi dedicato alla musica jazz. La sua settima edizione continuerà a proporre musica ed eventi fino a domenica 19 novembre. Tra i vari live club bolognesi coinvolti nell’iniziativa, la Cantina Bentivoglio sarà punto di riferimento per il jazz moderno e contemporaneo, strettamente legato con le sonorità afroamericane, attraverso concerti e masterclass. Ad inaugurare la stagione alla Bentivolgio, domenica 29 ottobre alle ore 21.30, sarà il pianista statunitense Uri Caine.

Uri Caine è conosciuto a livello internazionale come pianista di grandissima fama, che negli anni ha ridefinito il vocabolario della musica jazz portandolo all’incontro con alcune altre avventure estetiche postmoderne. Oltre alle diverse collaborazioni con altri musicisti (dei più diversi: Don Byron, Dave Douglas, John Zorn, Terry Gibbs, Clark Terry, Paolo Fresu…), Uri Caine è particolarmente popolare grazie alla sua genialità di compositore, con la quale produce una scrittura musicale dalle traiettorie piuttosto vaste, ma soprattutto grazie alla sua immaginazione che gli ha permesso di creare gruppi e progetti musicali, nei quali riversa ispirazioni diverse, dai ritmi più moderni a quelli più classici della storia della musica europea, non avendo mai paura di metterci mano per riscriverla e rivoluzionarla. Nonostante la sua fama all’interno della musica creativa statunitense, Caine non manca di mostrare anche un lato più mainstream, dove dimostra al meglio la sua abilità pianistica.

Nei giorni a seguire, il locale ospiterà le esibizioni di Barry Harris (titolare anche della masterclass), la all stars Smalls Live on Tour, Miguel Zenón e, in onore del jazz nazionale, Raffaele Casarano assieme a Marco Bardoscia.

Domenica 29 ottobre, Uri Caine, Cantina Bentivoglio Bologna, ore 21.30 – info: cantinabentivoglio.it, bolognajazzfestival.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here