L’appuntamento di mercoledì 18 aprile alle ore 21, nella Sala Fondazione Gottarelli, Via Caterina Sforza 13 ad Imola è dedicato alla poesia. La giornalista e scrittrice Lidia Sella presenta il suo libro “Strano virus il pensiero”: una silloge poetica che, coniugando filosofia e scienza, indaga fra le pieghe del reale scoprendo prospettive insolite. Vivere significa riflettere, interrogarsi, senza chiudersi allo stupore, alla meraviglia. Con ironia e coraggio, lo sguardo dell’autrice si posa sui fondamenti dell’essere (Spazio/Tempo, Natura/Coscienza, Caso/Destino) e sbriciola le sbarre della nostra prigione. Introduce la serata Antonio Castronuovo

Lidia Sella è nata a Milano dove vive e lavora; è giornalista, scrittrice e poetessa; ha collaborato con molti quotidiani e riviste (Gente, Gioia, L’Europeo) e pubblicato vari libri: Amore come… (Sonzogno 1999); La roulette dell’Amore (Bur 2000); La figlia di Ar. Appunti interiori(postfazione di Armando Torno, La Vita Felice, 2011); Eros, il dio lontano. Visioni sull’Amore in Occidente (postfazione di Armando Torno, La Vita Felice 2012); Strano virus il pensiero (con riflessioni di Antonio Prete e postfazione di Giulio Giorello, La Vita Felice 2016).

La scrittrice sarà dunque con noi per presentare il suo ultimo lavoro, una sorta di romanzo cosmico per frammenti, ispirato dallo studio di astronomia, cosmologia, fisica quantistica, genetica e neuroscienze. Ma si racconterà anche come scrittrice e poetessa, svelandoci, con lirica ironia, il proprio pianeta emotivo.

18 aprile, Sala Fondazione Gottarelli, Via Caterina Sforza 13, Imola (BO), 21.00, info: www.fondazionetoninogottarelli.com 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here