Vincenzo Agnetti. NEG: suonare le pause

0
Vincenzo Agnetti, Assioma - La pausa è solo e solo il supporto provvisorio di ogni discorso, 1971, bachelita incisa e dipinta / bakelite engraved and painted , Archivio Vincenzo Angetti, foto / photo Franco Russo

Tra i main project della nona edizione di ART CITY Bologna,  c’è Vincenzo
Agnetti. NEG: suonare le pause a cura di Luca Cerizza negli spazi del Padiglione de
l’Esprit Nouveau, partner Banca di Bologna.

Vincenzo Agnetti. NEG: suonare le pause “è la mostra parte del percorso della nostra
Banca per la diffusione e condivisione di iniziative legate al mondo dell’arte e della cultura –
dice Alberto Ferrari, Direttore Generale Banca di Bologna – a sostegno dei patrimoni artistici e delle eccellenze culturali, del territorio e non solo. Il prestigio dell’iniziativa è di assolut0 rilievo, in continuità con le esposizioni realizzate dal 2016 in ogni edizione di ART CITY. Quest’anno nel cuore del Fiera District, nel Padiglione de l’Esprit Nouveau, proseguiamo dedicandoci al lavoro artistico di Vincenzo Agnetti (Milano, 1926-1981), uno degli artisti più importanti dell’arte italiana del secondo Novecento e un instancabile sperimentatore dell’arte concettuale. La mostra è costruita intorno alla riscoperta di un’opera a lungo scomparsa e presentata al pubblico per la prima volta in assoluto in questa occasione, mettendo in dialogo sorprendente arte concettuale e musica di ricerca”.

Padiglione de l’Esprit Nouveau foto Matteo Monti courtesy Istituzione Bologna Musei

La mostra presenta a Bologna, grazie al lavoro svolto nel 2019 dall’Archivio Vincenzo
Agnetti in collaborazione con l’azienda Recipient.cc di Milano, il NEG. Concepito e
brevettato da Agnetti e poi costruito in collaborazione con la nota azienda di elettronica
Brionvega nel 1970, il NEG è stato utilizzato per la realizzazione di una sola opera dal titolo
Vobulazione e Bieloquenza NEG (1970) video a quattro mani con Gianni Colombo realizzato in occasione della mostra Telemuseo a cura di Tommaso Trini alla Triennale di Milano, e perduto dopo la morte dell’artista. Nel video Agnetti e Colombo lavorano due macchine e segnali diversi. Il pattern di base adottato dal primo viene modificato attraverso il “Vobulatore”, uno strumento elettronico tramite cui è possibile deformare il segnale
televisivo; Agnetti utilizza invece il NEG per rivelare le pause all’interno di un testo da luistesso pronunciato che spiega l’opera e la funzione stessa del NEG. Nelle parole dell’artista il NEG è un “rivelatore di pause”, “un pausometro”, uno strumento per fare della “musica in negativo”. Agnetti ha infatti modificato un giradischi stereofonico per far sì che, in mancanza di suono che lo attraversasse, la macchina producesse un rumore bianco che desse così rilevanza al silenzio, alle pause della musica o del discorso.

Frutto di un’operazione concettuale, il NEG nasce dalla riflessione critica sulla società e sul
consumo, e dall’interesse sviluppato da Agnetti a cavallo tra la fine degli anni Sessanta e i
primi Settanta per il tema del “negativo” nel quale convergono: l’inclinazione per forme di
rarefazione estetica di matrice concettuale, la filosofia di T. W. Adorno, la critica all’industria
culturale e l’alienazione dell’uomo moderno, l’attenzione alla parola e al linguaggio, mediata
dalla filosofia analitica di Ludwing Wittengstein.

La mostra si muove intorno al NEG in due direzioni: una storica e l’altra contemporanea. Da
una parte una selezione di opere cronologicamente e tematicamente vicine al NEG presenti in mostra tramite materiali d’archivio in parte inediti, ricostruisce il contesto in cui il NEG va inserito nella carriera di Agnetti quali il già citato Vobulazione e Bieloquenza NEG (1970), e quattro Assiomi dei primi anni Settanta, quadrati di bachelite nera su cui sono incise la coniche frasi assiomatiche, accompagnate talvolta da sintetici motivi grafici, derivati dal linguaggio della geometria e della musica. In mostra anche il Libro dimenticato a memoria (1970), uno dei grandi volumi nei quali Agnetti ha rimosso la parte testuale lasciando un vuoto enigmatico al centro e trasformando la scrittura in possibilità immaginativa, dando corpo al silenzio cui la scrittura e la parola sono sottoposte. Brevetto/NEG (1970) è invece il risultato dell’atto con cui l’opera è stata brevettata presso un notaio rappresentando così l’idea che anticipa la realizzazione.

Manuele Giannini, Alessandro Bocci (Starfuckers) e Nicola Ratti eseguono un brano con il NG, 9 aprile 2021, still da video

Dall’altra parte la mostra vuole portare il NEG e l’intuizione di Agnetti nel contesto contemporaneo dando suono e immagine a una pausa lunga cinquant’anni e finalmente
interrotta grazie al contributo di alcuni musicisti di diversa estrazione (avanguardia,
elettronica, improvvisazione, rock sperimentale) invitati a comporre brani appositamente
pensati per essere concepiti ed eseguiti insieme al suono-pausa del NEG. Nel percorso
espositivo sono visibili infatti le performance musicali di Bellows (Giuseppe Ielasi & Nicola
Ratti), Ricciarda Belgiojoso & Walter Prati, Gea Brown, Manuele Giannini & Alessandro Bocci (Starfuckers), Alessandra Novaga, registrate in audio da Attila Faravelli e in video da Matteo Frittelli (Alto Piano) negli spazi di Standards a Milano.

 

Fino al 13 giugno 2021

Bologna, Padiglione de l’Esprit Nouveau, Piazza Costituzione 11
Info & Orari: Mambo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.