A Forlì la nuova edizione del Festival Musica Contemporanea Italiana

0
218

Sabato 24 novembre e domenica 25 ritorna a Forlì il Festival Musica Contemporanea Italiana VIII edizione, organizzato da Area Sismica.

Si inizierà con L’evoluzione del linguaggio musicale, una conversazione-concerto a cura di Fabrizio Ottaviucci che si terrà sabato alle ore 10 presso l’Istituto Musicale A. Masini e in replica alle 16 presso l’Area Sismica. Fulcro di questa chiacchierata l’importanza del primo Novecento nella storia della musica e nell’evoluzione di essa; oggetto di riflessione e di ascolto saranno i percorsi seguiti dai più noti compositori dei primi decenni del XX secolo abbinati alle opere pittoriche di quel periodo.

Domenica, sempre presso la sede dell’Area Sismica, si svolgerà una sorta di unico concerto, diviso in due set, nel quale i protagonisti di questa edizioni si alterneranno sul palco in un programma decisamente fuori dagli schemi. Gli ospiti saranno: la pianista Ilaria Baldaccini, che proporrà il suo nuovo progetto sui compositori di area fiorentina del secondo Novecento; i compositori Giuseppe Bonamici e Gaetano Ciano Luporini; Giacomo Piermatti che presenterà le opere di Sciarrino e Scodanibbio; il chitarrista Donato D’Antonio e il flautista Yuri Ciccarese che interpreteranno brani di compositori locali come Alessandro Spazzoli e Paolo Geminiani. Ci sarà spazio anche per il clarinetto solista di Roberta Gottardi che omaggerà il compositore Berio e tornerà al presente con Ada Gentile e Fabio Cifariello Ciardi; e poi Fabrizio Ottaviucci eseguirà, al pianoforte, la poesia di Osvaldo Coluccino ed esporrà, in chiusura, una composizione per il sestetto di interpreti del festival.

24 e 25 novembre, Forlì, Istituto Musicale A. Masini (corso Garibaldi, 98), Area Sismica (via le Selve 23, Ravaldino in Monte). Per info: info@areasismica.itwww.areasismica.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.