DOPPIO SET CON AGNESE AMICO E HILDE-MARIE HOLSEN al teatro san leonardo

0
5

Proseguono gli appuntamenti della stagione di AngelicA | centro di Ricerca Musicale con un doppio set in programma per mercoledì 28 febbraio, a partire dalle ore 19.30, al Teatro San Leonardo: apre la serata la violinista Agnese Amico e, a seguire, la norvegese Hilde-Marie Holsen (tromba ed elettronica) presenterà il suo terzo album in solo.

Il concerto di Agnese Amico riprende il progetto di Alalie, titolo del suo primo album in solo, pubblicato dall’americana zOaR Records (l’etichetta di Elliott Sharp), che contiene musica interamente improvvisata sull’hardingfele. Il lavoro si sofferma sulla sensazione di alalia, ossia di perdita di parole, pensieri e ricordi che porta all’incapacità di interagire con un determinato ambiente. La sua musica è «un’esplorazione della sensazione di alalia con i miei paesi d’origine siciliani e norvegesi e gioca con questo senso di distacco. La musica prende ispirazione dalle canzoni popolari di quelle terre, senza pretendere di farle mie. Le canzoni interagiscono, come l’odore della neve e dei fichi si fondono in un unico profumo indefinibile».

Mentre Ediacara di Hilde Marie Holsen è una suite immersiva in tre movimenti correlati, ciascuno intitolato a un’epoca geologica lontana (fino a mezzo miliardo di anni fa), composti ed eseguiti dalla stessa Holsen.

Improvvisati in tempo reale, tutti i suoni – sia acustici che elaborati elettronicamente – derivano dalle varie risorse strumentali della sua tromba. Ciò che potrebbe sembrare il drone di una glass harmonica, un tappeto d’archi, un corale sepolcrale o, cosa più sconcertante, il ritmo tremolante e ansimante di un maiale in cerca di tartufi, si rivela essere prodotto solo da respiro e fiato.

Tramite il campionamento e la riproposta dell’intero repertorio di potenziali rumori del suo strumento, sia soffiati che percussivi, Ediacara evoca una sinfonia sonora il cui peso e densità possono ricordare il “suono organizzato” di Edgard Varèse o la pionieristica musique concrète di Pierre Henry. E quando suona la tromba come una tromba, il suo suono puro, le sue note tenute a lungo sono potentemente espressive quanto qualsiasi solista di successo a cui si può pensare.

Aspri schemi percussivi lasciano il posto a droni meditativi e ariosi per poi alterarsi nuovamente quando l’attenzione si sposta, per così dire, dal dettaglio ravvicinato alla visione a campo lungo, o viceversa.

Tutto sembra essere in un costante stato di flusso, in continuo cambiamento e in divenire, con nessuna visione finale in vista, solo uno sviluppo più incessante, come se riecheggiasse una sorta di evoluzione graduale la cui velocità glaciale di cambiamento è vista in time-lapse, e intere epoche di suono sembrano volare via in un minuto.

 Agnese Amico è violinista di formazione classica la cui attività si divide tra il repertorio classico, con il lavoro in orchestra e in ensemble, e l’improvvisazione, in varie formazioni. Dal 2019 è membro del Quartetto Obliquo, una formazione di archi dedita alla ricerca sui nuovi linguaggi musicali, e della DOOOM Orchestra. Amico possiede anche una formazione in studi urbani, e l’interazione tra suono e spazio è un elemento del suo lavoro.

Da due anni ha approfondito lo studio dell’hardingfele (o hardangerfele), strumento tradizionale in uso nelle regioni sudoccidentali della Norvegia, dove viene usato per la danza, accompagnata dal battito ritmico dei piedi. Nella sua conformazione moderna questo tipo di strumento a corda è molto simile al violino, differenziandosene per la costruzione (legno più sottile e decorazioni caratteristiche) e soprattutto per le quattro o cinque corde aggiuntive che risuonano per simpatia insieme alle quattro principali che vengono suonate sul violino.

Immergendo il suono della tromba nei paesaggi dell’elettronica, la musica di Hilde Marie Holsen si colloca tra jazz, contemporanea e drone ipnotici, scavalcando le barriere tradizionali per raggiungere un qualcosa di unico nella musica contemporanea attuale.

I suoi primi due album, Ask (2015) e Lazuli (2018), sono stati pubblicati dall’etichetta norvegese Hubro ottenendo un immediato riscontro da parte della critica. In seguito, si è esibita in numerosi festival e istituzioni di tutta Europa, tra cui inaGRM (Francia), Punkt, Ultima Contemporary Music Festival, OsloJazz (Norvegia), 12Points (Irlanda/Spagna), Rewire (Olanda), Moods (Svizzera), Ab Salon (Belgio) e London Jazz Festival (Inghilterra), sia in veste di solita che collaborando con band e musicisti come Silent Fires, Bilayer, Holsen&Cassiers (in duo con Lynn Cassiers), FOOD, Maja S. K. Ratkje e Alessandro Sgobbio (Italia).

Nel corso del 2023 ha pubblicato due album: Walking in Circles (insieme a Lynn Cassiers) è uscito a gennaio, ed Ediacara ad agosto.

info I biglietti (da 2 a 7 euro) sono acquistabili in prevendita sul sito www.boxerticket.it, e presso la biglietteria del Teatro San Leonardo lunedì sera dalle ore 19.00.

 

Mercoledì 28 febbraio, ore 19.30, Centro di Ricerca Musicale/Teatro San Leonardo

Agnese Amico

ALALIE

Agnese Amico hardingfele (violino tradizionale a 8 corde di Hardanger), violino

 musiche di Agnese Amico

Hilde-Marie Holsen

EDIACARA

Hilde-Marie Holsen tromba, elettronica

musiche di Hilde-Marie Holsen

con il sostegno della Reale Ambasciata di Norvegia, Music Norway

 a cura di Luca Vitali

 

AngelicA | Centro di Ricerca Musicale

Associazione Culturale Pierrot Lunaire

via San Vitale 63 – 67, Bologna

Telefono e fax 051.240310

info@aaa-angelica.com

www.aaa-angelica.com

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.