I front garden, ovvero i tradizionali giardini di casa, sono per lo più prati di erba non autoctona che per essere mantenuti sempre ben curati richiedono una grande quantità di acqua, pesticidi e fertilizzanti. Questo uso spropositato di sostanze chimiche porta inevitabilmente ad una grossa dispersione di CO2 e rilascio di inquinanti, senza tenere conto dello spreco di acqua.

Ora, soprattutto negli States, sempre più proprietari di immobili, stanno gradualmente convertendo i loro giardini in aree biologiche, con fiori o anche solo pietre. Il caratteristico prato all’inglese lascia spazio ad aree verdi con piante locali lasciate crescere spontaneamente, mantenendo intatti gli habitat di vari animaletti e uccelli. Solo negli USA, delle 800 principali specie di uccelli presenti, oltre 200 sono quasi a rischio di estinzione. La parola d’ordine è quindi biodiversità.

In questo modo, bisogna incrementare alberi e arbusti che offrono il maggior rifugio e alimento alla fauna. Se avete poco spazio, inserite almeno qualche nido, sia per uccelli sia per insetti; e lasciate un mazzo di fascine per dare riparo ai ricci. Per risparmiare l’acqua si impiegheranno piante che hanno richieste idriche più appropriate al clima locale, ad esempio lavande e timi, sedum e ginepri, phlomis e rosmarino. Oltre ad alberi e arbusti, sono importanti piante decorative. Un prato fiorito dove possano crescere e disseminarsi i fiori selvatici è la soluzione migliore per invitare le farfalle: basterà seminarvi crescione dei prati, ginestrino, papavero, nigella, gipsofila, fiordaliso, malva, viole, potentilla. Ed ecco pronto un front garden che ama la natura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here