Per il terzo anno consecutivo Faenza si conferma punto nevralgico per l’incontro tra produttori e amanti di vini naturali. Il 18 e 19 novembre, dalle 10 alle 20, torna nel quartiere fieristico Back to the Wine, la manifestazione dedicata agli artigiani del vino curata da Andrea Marchetti, già ideatore della comunità Vinessum. Ad essere protagonisti saranno i frutti di quegli artigiani che fanno uscire dalle loro cantine una produzione enoica di qualità a tiratura limitata (in media tra le 10 e le 20mila bottiglie) e con un particolare occhio di riguardo all’ecosostenibilità, al territorio, alla biodiversità e al lavoro agricolo, con il minimo intervento di cantina.

«Saranno oltre 130 i produttori di vini naturali che interverranno nelle due giornate faentina – spiega Marchetti – oltre agli espositori di food e a rappresentanti di altre chicche di artigianato, tra cui l’Ente Ceramica Faenza. Si tratta di un evento che vuole valorizzare la qualità dei prodotti e dei produttori, avvicinando gli espositori al pubblico più attento oltre che agli addetti ai lavori, come i ristoratori o i distributori». Oltre al vino infatti il pubblico potrà degustare una serie di proposte di cibo di 10 produttori artigianali e usufruire di tre attività ristorante. L’artigianalità del vino e del cibo viene ripresa anche attraverso l’arte della ceramica attraverso alla presenza di quattro artigiani del settore: Manifatture Sottosasso di Lorella Morgantini e Marco Malavolti; Anna Tazzari; Ceramiche Artistiche di Liliana Ricciardelli; La Bottega di Gino Geminiani.

A Back to the wine si potrà compiere un giro enologico tra tutte le regioni italiane, che saranno ampiamente rappresentate, con qualche puntata all’estero, grazie ad espositori provenienti da Germania, Francia e Slovenia. «Una bella novità di questa edizione – prosegue il curatore – sarà la presenza di diverse aziende appena nate, che si confronteranno con i veterani già presenti da anni sul mercato. E offrire quest’opportunità a chi si è appena affacciato al mondo dell’enoproduzione ci rende particolarmente orgogliosi».

Non una novità ma una certezza saranno anche i laboratori e gli incontri in programma, che completeranno la mostra-mercato faentina in cui si potranno degustare ma anche acquistare tutti i prodotti enogastronomici presentati. «Giovanni Solaroli e Vitaliano Marchi presenteranno il loro libro sull’Albana, grande vitigno del territorio – aggiunge Marchetti – inoltre ci sarà un focus di Francesco Falcone su alcune produzioni sarde e un incontro di approfondimento sui cosiddetti vini da garage».

La prima giornata di domenica 18 novembre prevede un ricco programma: alle ore 13 si terrà la presentazione del volume “Albana, una storia di Romagna” di Giovanni Solaroli e Vitaliano Marchi seguita da una degustazione, mentre alle 15 ci sarà il laboratorio di degustazione sui vini della Sardegna guidato da Francesco Falcone.

Domenica 18 e lunedì 19 novembre, BACK TO THE WINE, Faenza (RA), quartiere fieristico, viale Risorgimento, domenica 10-20, lunedì 11-19 – Info: backtothewine.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.