Le cicogne di Chernobyl di Karim Galici

0
336

In questi giorni ricorre il 38esimo anniversario della catastrofe di Chernobyl, il più grave incidente nucleare nella storia dell’umanità, con un numero di vittime, ancora oggi difficile da determinare a causa della complessità degli effetti a lungo termine delle radiazioni e della difficoltà nel tracciare accuratamente le malattie e le morti associate all’incidente. Una stima dell’ONU parla di 4.000 vittime, ma molti esperti parlano di una sostanziale sottostima.

Nelle aree di contaminazione radioattiva erano presenti ben 3.678 insediamenti abitati, con una popolazione di 2,2 milioni di persone; ben 479 di questi insediamenti, per lo più piccoli villaggi, hanno cessato di esistere. Dalle aree colpite dalla catastrofe di Chernobyl sono state evacuate 137.700 persone, ma contestualmente all’evacuazione e al reinsediamento organizzato, si calcola che circa 200.000 persone hanno lasciato autonomamente le aree contaminate. Ancora oggi a distanza di quasi quarant’anni, la zona di esclusione intorno alla centrale nucleare, in cui non è più possibile vivere, è di quasi 3000 chilometri quadrati.

Chernobyl, quindi, non è storia, ma una drammatica attualità, tornata ulteriormente alla ribalta delle cronache con lo scoppio della guerra in Ucraina. Ma Chernobyl non è stata solo distruzione, morte, angoscia, è stata anche l’inizio di un ampio movimento di solidarietà teso ad ospitare temporaneamente i bambini delle aree contaminate così da favorire un ricambio d’aria che consentisse loro di ridurre drasticamente l’assorbimento di radioattività nell’organismo, grazie alla permanenza in un ambiente non contaminato e a un’alimentazione priva di radionuclidi.

Dai primi anni 90 e sino al 2020 l’Italia ha accolto circa 600.000 bambini bielorussi e oltre 100.000 bambini ucraini, nell’ambito dei cosiddetti “Progetti Chernobyl”, accogliendo da sola oltre il 60% di tutti i bambini ospitati all’estero. Il nostro paese da solo ha fatto più di tutti gli altri paesi del mondo messi insieme!

Per la prima volta questa pagina di solidarietà concreta, di cui tutto il nostro paese dovrebbe andar fiero, arriva nel grande schermo con il docufilm “Le Cicogne di Chernobyl” (Italia, 2024, 69′) diretto da e prodotto da Cittadini del Mondo Cinema per il Sociale con il sostegno della Fondazione di Sardegna con la collaborazione di RAI TECHE.

Il documentario porta alla luce una riflessione poetica su cosa è stato Chernobyl, non dal punto di vista della distruzione e delle radiazioni, ma raccontando alcune delle belle storie nate dopo, grazie all’accoglienza e alla solidarietà delle famiglie italiane. Dopo la premiere nazionale italiana alla Casa del Cinema di Roma dello scorso marzo, è prevista anche la premiere nazionale svizzera a Lugano il 25 maggio, inoltre, sempre a maggio, il film debutterà a Napoli e a Sorrento.

Partendo dall’incidente del 26 aprile 1986, il documentario si avventura a pochi chilometri dalla centrale, seguendo le tracce di un sopravvissuto che guida la troupe verso la sua casa natia evacuata quasi quarant’anni fa, per poi raccogliere la testimonianza di un liquidatore intervenuto per spegnere gli incendi scoppiati subito dopo l’esplosione.

Ma cosa è successo a quei bambini ospitati dalle famiglie italiane, quale è la loro vita oggi? Il film racconta le storie di rinascita di bambini, oggi giovani adulti, segnate per sempre da quel 26 aprile 1986, data del disastro nucleare. Nel film si alternano percorsi e figure diverse: come i tre fratelli, che dopo essere cresciuti separati in tre orfanotrofi si ritrovano uniti da una grande famiglia italiana allargata; la ragazza che attraverso la formazione trova lavoro e stabilità in Sardegna, ma decide di tornare in patria per amore, o le due bambine diventate amiche per la pelle dopo esser state accolte da Nonna Barbara, con la quale continuano a rimanere in stretto contatto come due vere proprie nipoti.

Tra passato, presente e futuro Le cicogne di Chernobyl è un insieme di racconti dove le esperienze vissute dai protagonisti scorrono in un flusso di rimandi e flash back per ricongiungersi continuamente con il disastro nucleare da cui tutto è partito. Storie, non solo di distruzione, ma anche di ponti che si sono costruiti tra persone e popoli.

 

Previous articleMassimo Simonini racconta 34 anni di AngelicA Festival
Next articleVinnie Marakas: dream pop bohémienne
Da quando ne ho memoria, questi sono i miei più grandi amori: canto, teatro, lettura e cinema. Sono una Studentessa del Corso di laurea DAMS presso l’Università degli Studi di Messina. Appassionata di storia dell’arte, letteratura, storia, musica, fotografia e di mummie, il palcoscenico ha fatto parte della mia vita dall'età di 6 anni e da allora non l’ho più lasciato, in qualsiasi veste. Allieva Regista per la Summer School alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano, amo scrivere, in particolar modo poesie e racconti. Pratico volontariato dall’età di 10 anni e Gagarin è la mia prima collaborazione di scrittura come aspirante critica cinematografica.