Il progetto di teatro partecipato di ERT “Un bel dì saremo” continua la sua esplorazione degli spazi della storia industriale di Modena: dopo letture su filobus, atelier, passeggiate, biciclettate e cene spettacolo, il progetto approda in uno dei luoghi identitari della cultura lavorativa modenese: la Manifattura Tabacchi.
Realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione e Istituto Storico di Modena in collaborazione con Unione Società Centenarie Modenesi e Master in Public History – Unimore, con il patrocinio del Comune di Modena, il ciclo “ManiFutura, Sogni industriosi del ‘900” si articola in tre appuntamenti: all’ombra della ciminiera, fino 13 luglio gli attori del progetto racconteranno i mestieri e i lavoratori del secolo scorso, tra aneddoti più o meno verosimili e melodie d’epoca eseguite dal vivo. Testimonianze, narrazioni, divagazioni musicali concorreranno a creare una sorta di piccolo romanzo teatrale su città e lavoratori nel Novecento, con il gusto di mettere in evidenza distanze e analogie tra quei passati e il nostro presente, tra i sogni di progresso di ieri e le incertezze sul futuro di oggi.
Secondo appuntamento dunque venerdì 7 luglio alle ore 21.30 con “Fumosa frenesia (inizia il ‘900)”: Donatella Allegro e Nicola Bortolotti, accompagnati dalle musiche eseguite dal Corpo Bandistico di Castelvetro di Modena diretto dal M° Federico Maffei, racconteranno gli della bellicosa belle époque. Sono gli anni in cui nascono le ciminiere d’Europa, in cui crescono le città industriali e Modena, a partire proprio dalla Manifattura Tabacchi, non si tira indietro.
Tutte le serate sono a ingresso libero.

7 luglio, Manifattura Tabacchi, via della Manifattura dei Tabacchi, Modena, 21.30, info: www.unbeldisaremo.it www.emiliaromagnateatro.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here