Il prossimo appuntamento alla Casa del Teatro di Faenza sarà sabato 9 dicembre con la compagnia di danza contemporanea Nervitesi che si esibirà alle 21 in uno spettacolo dal titolo “L’ultima madre” di Carla Rizzu, con Carla Rizzu, Serena Fossanova, Enrica Linlaud, Laura Lucchi e le musiche originali di Christian Ravaglioli.

L’ultima madre” è la donna della Sardegna antica, attraverso la quale Carla Rizzo racconta storie di donne coraggiose. Da sempre l’immagine della donna sarda è l’immagine di una femminilità indipendente, orgogliosa, forte e tenace, colei che difende la casa, la famiglia e che custodisce i segreti religiosi e non solo. Emblema di questo esemplare di donna è l’accadabora che aveva il compito di accompagnare nella morte coloro che soffrivano. Questo mito è guardato con grande fascino da molti studiosi che ancora oggi cercano di trovare prove della sua reale esistenza.

L’ultima madre” è una figura caratterizzata da un profondo rispetto per la vita: in una Sardegna misteriosa, attraversata dal giudizio e dal pettegolezzo, l’accabadora vive la sua giornata chiusa in casa in attesa di una chiamata, senza mai sottrarsi al proprio dovere. L’accabadora è un’ allevatrice, una sciamana ed è l’ultima persona che tanti vedono prima di morire.

In questa rappresentazione piena di energia, la donna osserva e giudica costantemente ciò che la circonda e il pettegolezzo si trasforma in musica nelle strade. Il risultato è uno spettacolo ricco di suggestioni e memorie antiche che porta a riflettere anche sulla contemporaneità.

Sabato 9 dicembre, Teatro Due Mondi – Casa del Teatro Faenza – info: info@teatroduemondi.it, 0546 622999, teatroduemondi.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here