Torna, in tempi record, dopo appena 3 mesi dall’ultima edizione di Amarcort Film Festival, il Giro del mondo in 80 corti, la rassegna cinematografica  organizzata in 10 tappe che vede in gara una selezione di 80 cortometraggi provenienti da tutto il mondo e sottotitolati in italianoGiovedì 29 marzo, a partire dalle 21.15 presso la Cineteca di Rimini, avrà luogo la prima tappa della kermesse. Al termine della proiezione, come ormai di consueto, il pubblico sarà chiamato a votare come giuria i corti migliori che si sfideranno poi nella finalissima di dicembre.

La serata di giovedì 29 vedrà come protagonisti del grande schermo A new Home di Žiga Virc, Dead Reckoning di Paul Wenninger e Susan Young, Negative Space di Ru Kuwahata e Max Porte, Not Acceptable di Saman Haghighivand, The Spa di Will Goodfellow, Timecode di Juanjo Giménez Peña, La barba di Alfredo Mazzara, Is it too much to ask? di Andreas Westerberg, Dos segundos de silencio di Felipe Sanz, Circle di Alexander Heringer.

Questa nuova edizione prevedere un rinnovamento nella scenografia e anche una nuova modalità di tesseramento. Chi vuole partecipare da quest’anno non deve più associarsi, ma gli sarà sufficiente chiedere una tessera fedeltà, inviando il proprio nome e cognome alla mail associati@amarcort.it oppure direttamente sul posto prima delle proiezioni con un contributo di 10 euro. In cambio, sarà garantito il posto riservato fino a 5 minuti prima delle proiezioni e uno snack assicurato per tutte le 10 tappe del giro.

Giovedì 29 marzo, Il Giro del Mondo in 80 corti, Cineteca Rimini, ore 21.15 – info: amarcort.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here